E: info@trentinpavimenti.it | T: 049 9460340 - 049 5953830

Una tradizione secolare

Molto simile al mosaico pavimentale noto fin dai tempi dei romani, il Terrazzo alla veneziana trova il suo luogo d'origine a Venezia (da cui il nome), dove l'antica e nobile arte del Terrazziere era conosciuta già alla fine del '500. Questo pavimento, fatto generalmente in calce con scaglie di marmo o ciotoli battuti insieme fino a costituire un'unica superficie omogenea, viene realizzato ancora oggi da Trentin con la stessa maestria di allora.

La progettazione

Come i grandi "Terrazzieri" del passato, Trentin, grazie all'esperienza acquisita, alle ultime novità tecnologiche ed in collaborazione con personale qualificato, sono in grado di progettare la giusta soluzione pavimentale, in completa sintonia con le diverse tipologie di abitazione, siano esse di tipo classico o moderno.

La lavorazione

…con una zappetta e dell'acqua la calce viene resa molla. In cinque secoli di storia non molto è cambiato, la lavorazione del Terrazzo, continua ad essere una vera e propria arte che richiede tempo e grande esperienza. Come i primi Terrazzieri, si prepara il massetto, si procede con la "stabilidura" e la si livella con la stadia. Le graniglie di marmo o ciotoli, in diversi colori a seconda del campione scelto, vengono passate sullo strato di "stabilidura" con il gesto tipico della SEMINA. La fase successiva consiste nel "battere" il pavimento con un rullo o "colonna", per passare il seminato nella "stabilidura". Il pavimento viene poi levigato con la levigatrice, operazione questa che un tempo si faceva con "l'orso" per il pavimento in calce. Dopo la levigatura si procede con la fase di STUCCATURA, segue la STAGIONATURA e successivamente la LUCIDATURA. Se il pavimento è in calce e cocciopesto, si procede con l'OLIATURA, da ripetere più volte affinché l'olio penetri a fondo per dare più "morbidezza" alla pavimentazione.

Il pregio del terrazzo alla veneziana

Il Terrazzo, più comunemente chiamato pavimento alla veneziana, offre grandi possibilità costruttive: permette di realizzare vani di grande superficie senza la necessità di creare giunti tecnici di alcun tipo ("fughe"); consente di seguire senza problemi la struttura perimetrale dell'ambiente (curve, spigoli); offre la possibilità di creare decorazioni semplici, complesse, a mosaico o abbinamenti con inserimenti in marmo. Possiede inoltre molte proprietà che lo rendono ancora più pregiato: con speciali accorgimenti e moderne tecnologie che gli conferiscono grande flessibilità, ha la capacità di resistere bene ai normali assestamenti della struttura dell'abitazione e meglio di qualsiasi altra superficie, è particolarmente consigliato al "riscaldamento a pavimento" (vedi disegno).

Il restauro

Un'altro importante intervento riguardante i pavimenti in Terrazzo alla Veneziana di vecchia costruzione, consiste nel RESTAURO, per la cui corretta effettuazione sono necessarie alcune essenziali operazioni preventive, quali la determinazione dell'epoca di costruzione, e l'accurata individuazione dei materiali di cui è composto, con particolare riguardo al tipo di legante (calce o cemento). Tale intervento di restauro, deve essere sempre svolto in modo da non interferire con la lettura storico-testimoniale del Terrazzo restaurato e, nei casi di rifacimento o aggiunta di parti, si deve intervenire con materiali, attrezzature e tecniche appropriati, al fine di rispecchiare quanto più possibile l'autenticità.

Pulizia

Il Terrazzo alla Veneziana è un pavimento che si caratterizza per preziosità e praticità. La lucentezza della superficie e la varietà di colori, donano all'ambiente un aspetto sempre luminoso. L'inesistenza di "fughe", già una garanzia d'igiene, ne facilita la pulizia. Il Terrazzo infatti non necessita di grande manutenzione. Per la pulizia è sufficiente lavare il pavimento con un detergente neutro; mentre è consigliato passare la cera una volta al mese o una volta ogni due mesi. Per la manutenzione del Terrazzo in calce e cocciopesto, è invece consigliato ripetere l'oliatura ogni due anni, per rendere il pavimento più "morbido" e vivace.

Consorzio il terrazzo alla veneziana

Seleziona e riunisce le migliori ditte del settore operanti nel territorio nazionale
Certifica la qualità del pavimento dalla scelta al trattamento dei materiali, dalle fasi di lavorazione alla consegna del prodotto finito, tutelando il cliente da false imitazioni
Garantisce che ogni ditta associata operi secondo le "Regole generali per la costruzione e il restauro del Terrazzo alla Veneziana" che sono state raccolte, elaborate e sottoscritte da tutti i membri del consorzio stesso
Svolge una costante azione di controllo presso le ditte associate sulla qualità dei prodotti finiti, dei materiali e dei processi produttivi in genere
Esige che ogni ditta associata sia in regola con gli adempimenti retributivi, contributivi e assistenziali nei confronti dei propri collaboratori e dipendenti, così come nei confronti delle disposizioni di legge a riguardo della sicurezza nei cantieri e del rispetto delle norme ambientali

Ne consegue che la ditta TRENTIN possiede la capacità e i mezzi per costruire e restaurare l'autentico "Terrazzo alla Veneziana" secondo le Regole Generali del "CONSORZIO IL TERRAZZO ALLA VENEZIANA".